archivio

teacher

Visto che le liste interessano, anche l’utilizzo delle liste su Twitter può essere interessante. L’ho creata per cercare di tenere il passo con tutte le informazioni sul campo che mi interessa (generalizzando molto, possiamo dire l’e-learning).

Questa è la mia.

Il tema è il governo del flusso, della qualità e della rilevanza, per noi, delle informazioni. La natura del cambiamento che stiamo subendo davvero non è ancora pienamente comprensibile.

Guardate a proposito del tema del cambiamento, questo video.

Una mia brutta copia dell’argomento centrale è questa qui.

velocità apprendimento

La nostra velocità di apprendimento non ha tenuto il passo con la densità  delle informazioni e e con la  capacità di connessione ad un  numero incredibilmente alto di informazioni. Siamo alla ricerca di codici che ci permettano di capire cosa è rilevante e cosa no.

2

Amo molto questo autore, un genio che aveva intravisto grazie al suo geniale intuito culturale, già negli anni ’80 il nuovo millennio, le sue caratteristiche ed i rischi insiti, oltre alle opportunità, di questa transizione.

4 5

Se linkate sull’ultima slide vi trovate al sito OILPROJECT ad ascoltare e vedere Belpoliti che ci parla dell’opera.

Per finire, questo è il link al mio post dove cerco di inserire la presentazione delle slide viste sopra.

Allora ecco la struttura di un TP:

  • A brief cover letter or mission statement stating the purpose of the portfolio
  • A current/updated resume
  • A brief biography of the teacher (highlighting educational, personal, and professional background)
  • Information about professional activities and affiliations beyond the school
  • Scores from any required testing (e.g. Praxis)
  • Copies of any pertinent documents (i.e. teaching license(s), additional certifications, etc.)
  • A personal statement that emphasizes one’s teaching philosophy
  • Documentation of continuing education (i.e. graduate study, workshops, etc.)
  • Any letters of commendation or documentation of awards received
  • Sample copies of communication with parents (i.e. class newsletters, congratulatory letters, etc.)
  • Teacher-made classroom documents (i.e. lesson plans, handouts, tests, rubrics, etc.)
  • Examples of student work that represent your teaching philosophy
  • Photographs from your classroom (i.e. lessons or learning centers, bulletin boards, student projects, etc.)
  • Records of formal observations
  • A brief video of a lesson

ma soprattutto la FILOSOFIA DEL DOCENTE:

  • Why do I teach?
  • How do students learn?
  • What advice would I give to a beginning teacher regarding teaching philosophy?
  • What should the relationship between teacher and student be like?
  • What motivates students to learn and improve?
  • What is the primary goal I have for my students?
  • What role should parents play in the education of their children?
  • What is the most important thing that every classroom should have?
  • Under what circumstances would I ever leave this profession?
  • Am I the best teacher I can be?
  • Who is the best teacher I have ever seen and what made him/her so special?
  • As a teacher, what is the most important thing I do everyday?

DIrei che posso chiudere con questa vignetta che rispecchia pienamente il mio pensiero attuale:

E’ un concetto interessante, mi sono resa conto di avere provato  (pur non sapendo di cosa si trattasse) a  creare una micro sezione anche sul mio sito personale, tempo fa. Ammetto però che la struttura di un vero e proprio portfolio mi manca decisamente.

Direi che in questi percorsi che sto seguendo gli elementi più interessanti emersi sono:

  1. strumenti per catalogare ed archiviare ( mio annoso problema) le informazioni i link ed i documenti
  2. archivi già esistenti sul web ( la ricerca è appena iniziata)
  3. uso di tecnologie e soprattutto dei SM in chiave di apprendimento ( e  non solo in chiave di comunicazione e MKT come finora li avevo considerati)
  4. usare il blog/sito/potenzialità del web per impostare un percorso di apprendimento ( e non un corso on line) con modalità open path..mooolto interessante, mooolto difficile, lo voglio arrivare a fare anch’io!!!